mercoledì 8 agosto 2018

Dio può tutto con la nostra fede

di P. Riccardo Garzari L.C.
Da un paio di giorni siamo arrivati in missione alla Sierra di Puebla.
Ci ospita un parroco che cura 25 paesini, e vive qui da 19 anni e mezzo. Visitando le famiglie, mi hanno raccontato che molti anni fa è cominciato a piovere in abbondanza per vari giorni e le falde dei monti hanno cominciato a cedere.
Sono cominciate ad avvenire varie frane, che miste all'acqua hanno creato dei fiumi di fango, i quali hanno cominciato a trascinarsi con sé qualsiasi cosa, pure le case.
In mezzo a questo finimondo, il parroco p José andava a visitare i paesini per vedere la situazione, ed ha cominciato ad aprire le chiese per ospitare gli sfollati ormai senza dimora. Ha cominciato a chiedere aiuti umanitari dall'esterno e sono iniziati ad arrivare vestiti e cibo.

Alcuni paesini erano isolati dai fiumi di fango, e il parroco da lontano, con gli stivali impermeabili immersi nel fango, dava la benedizione di Dio, per far sì che la gente sentisse che non era abbandonata da Dio. Così sono andati avanti per un mese, finché ci si è cominciati a recuperare. Ora le case sono state ricostruite in buona parte. Sono cominciate le coltivazioni nelle serre. Si lavora l'argilla e si costruiscono vasellami. I paesini poco a poco si sono risollevati.

E i missionari vengono ad aiutare a finire di costruire le case per la gente più povera. A volte i mattoni devono essere costruiti con del fango compresso ed essiccato. Certo, non è l'ottimale, ma è già qualcosa. Ora, per ringraziare Dio, un'immagine di Gesù viene trasportata periodicamente in processione di casa in casa. Oggi è toccato a noi missionari partecipare a questa processione e a palpare con mano la grande fede di queste persone. Mi è toccato ascoltare varie testimonianze di miracoli che Dio ha operato in mezzo a questa gente, e le ho udite direttamente dalla bocca dei miracolati. È proprio vero quello che dice Gesù, che solo se una persona crede senza dubitare che Dio può operare un miracolo, Lui lo farà...



Nessun commento:

Posta un commento