sabato 30 settembre 2017

Testimonianza di Igor – Questa verità mi era entrata in quel momento nel cuore: che Lei era Mia Madre!

“La mia esperienza è cominciata prima di andare a Medjugorje, due anni e mezzo fa, a casa mia. Ero in un periodo che non credevo in Dio. Vivevo in un momento particolare della mia vita, come purtroppo tanti altri giovani della mia età sperimentano e vivono.
In un momento forse che non c’era speranza, ecco che proprio in questo momento particolare giunge al mio orecchio che qualcosa stava succedendo in un posto.

venerdì 29 settembre 2017

La Madonna ci parla - La funzione degli Angeli

Curaçao (Arcipelago delle Antille), 29 settembre 1983. 
Festa degli Arcangeli Michele, Gabriele e Raffaele. 

«Oggi la Chiesa celebra la festa degli Arcangeli Michele, Gabriele e Raffaele. È anche la vostra festa, figli prediletti, perché gli Angeli del Signore hanno una parte molto importante da svolgere nel mio disegno vittorioso.

martedì 26 settembre 2017

Messaggio Medjugorje 25 settembre 2017

Cari figli! Oggi vi invito ad essere generosi nella rinuncia, nel digiuno e nella preghiera per tutti coloro che sono nella prova, e sono vostri fratelli e sorelle.
In modo particolare vi chiedo di pregare per i Sacerdoti e tutti i consacrati affinché con più ardore amino Gesù, affinché lo Spirito Santo riempia i loro cuori con la gioia, affinché testimonino il Cielo e i misteri celesti.
Molte anime sono nel peccato perché non ci sono coloro che si sacrificano e pregano per la loro conversione.

lunedì 25 settembre 2017

Supplica ardente ai Santi Angeli



Questa preghiera potente e straordinaria è molto conosciuta soprattutto dai membri dell’Opera dei Santi Angeli.
L’autrice è madre Gabriele Bitterlich, fondatrice di questo movimento, semplice madre di famiglia di Innsbruck, strumento scelto da Dio per approfondire la conoscenza e la devozione dei Santi Angeli e quindi collaborare con loro alla santificazione delle anime, in particolare dei Sacerdoti.

Primo comandamento: le comunioni sacrileghe

Il senso del primo comandamento è l’affermazione chiara, netta e decisa dell’esistenza e dell’assoluta sovranità di Dio, che vuole e deve essere riconosciuto come unico e vero Dio, essere adorato come a Lui conviene, ricevere il culto ed i sacrifici che gli sono dovuti. L’esame sul primo comandamento dovrebbe essere condotto in materia molto seria e coscienziosa, perché i peccati contro di esso sono commessi da molti ma confessati da molto pochi.

I principali peccati gravi contro il primo comandamento sono: uso sacrilego dei sacramenti (eucaristia e confessione);

sabato 23 settembre 2017

Manda il tuo Angelo Custode alla Santa Messa

O Angelo di Dio che sei al mio fianco va in Chiesa per me.
Inginocchiati al mio posto per la Santa Messa dove io desidero essere.
All’offertorio, prendi tutto ciò che sono e possiedo ed a mio nome, offrilo come sacrificio sul trono dell’altare.
Al suono della Santa Comunione adora con serafico amore il mio Gesù nascosto nell’Ostia sceso sulla terra dal Cielo.
Poi prega per coloro che amo teneramente e per coloro che mi fanno soffrire, che il Sangue di Gesù possa purificare tutti i cuori e dare conforto ai sofferenti.

Padre, posso farmi un tatuaggio?





lunedì 18 settembre 2017

Morire a 17 anni per Gesù si può: ma in Occidente?

Sono profondi gli occhi di Sharoon. Diciassette anni, pakistano, proveniente da una famiglia povera di Chack villaggio della provincia del Punjab, è stato massacrato a colpi di bastone fino al sangue. La sua colpa? Non solo di essere cristiano ma di essersi rifiutato di abiurare la sua fede per professare quella islamica cedendo alle minacce dei compagni.

sabato 16 settembre 2017

La storia di Cecilia, quando l'aborto è eutanasia

Attualmente l’argomento eutanasia è molto di moda e preoccupa parte della nostra società per la liberalizzazione di questo gesto definitivo.
Lavorando al Centro di Aiuto alla Vita Mangiagalli mi sono trovata più volte a dovermi confrontare con un altro tipo di eutanasia: la “dolce morte” da somministrare a feti – che io chiamo piccoli bimbi – che mostrano gravi anomalie nell’esame praticato al quinto mese:

venerdì 15 settembre 2017

I cinque anni di vita di Michelino incredibili per la scienza

E' la storia commovente di un bambino tanto amato e di due genitori che hanno creduto in Dio e nella forza dell'amore

Oggi vi racconto la storia di una famiglia. Di Agnese, Antonio e Michelino, il loro bambino.
Quando ho ricevuto il messaggio di questa mamma di Catania desiderosa di farmi conoscere la vita fragile e preziosa di suo figlio mi sono sentita tanto grata. Abbiamo così bisogno di testimoni, è anche grazie a loro che riusciamo a non scoraggiarci, a procedere nei momenti di tentennamento, a scorgere nella nostra storia la mano potente di Dio.

martedì 12 settembre 2017

Guarda la stella, invoca Maria


O tu che nell’instabilità continua della vita presente
t’accorgi di essere sballottato tra le tempeste
senza punto sicuro dove appoggiarti,
tieni ben fisso lo sguardo al fulgore di questa Stella
se non vuoi essere travolto dalla bufera.

Rosario, l'arma contro Boko Haram

Esattamente due anni fa, quando la furia islamista, che già colpiva la Nigeria dal 2009, dilagava in Iraq, la misericordia divina indicava per l’ennesima volta in questo e nello scorso secolo l’arma necessaria a combattere il male diabolico che pare come mai così diffuso.

Un anno fa Oliver Dashe Doeme, pastore della diocesi nigeriana di Maiduguri, raccontò alla Cna di quando, nel 2014, Gesù gli apparve “mentre ero nella mia cappella di fronte al Santissimo Sacramento”, consegnandogli una spada che, una volta nelle sue mani, si trasformò in un Rosario.

lunedì 11 settembre 2017

La vera confessione: fedeli pentiti, non preti indulgenti

La mia generazione apprendeva, nello studio della dottrina cristiana, che il peccato è il vero primo e peggior nemico dell’uomo. E apprendeva che il maggior pericolo che l’uomo corre è sottovalutarlo, ignorarlo, cancellarlo. Per riuscirci la pratica del Sacramento della confessione è indispensabile, perciò la maggior tentazione è non volersi confessare.
La mia generazione apprendeva anche che è con la penitenza e l’assoluzione sacramentale che il peccatore, contrito, sincero e con intenzione di non peccare più, trova perdono e misericordia.

sabato 9 settembre 2017

Messaggio straordinario a Ivan 8 settembre 2017

Carissimi,ecco quanto Ivan ci ha comunicato circa l’apparizione da lui avuta stasera, venerdì 8 settembre 2017, presso la Croce blu alle ore 21:00: «Anche oggi la Madonna è venuta a noi molto gioiosa e felice e ci ha salutato tutti col suo materno saluto: “Sia lodato Gesù, cari figli miei!” poi ha pregato per un tempo prolungato qui su tutti noi con le mani distese, ha pregato in particolare su voi malati presenti.
La Madonna ha pregato in modo particolare per i giovani e per le famiglie, ed ha detto brevemente:“Cari figli, anche oggi desidero invitarvi nuovamente a pregare per le famiglie: a pregare per la santità nelle famiglie e per i giovani, i miei figli che si sono allontanati, si sono allontanati da mio Figlio Gesù.

venerdì 8 settembre 2017

La fede dei figli dei martiri sconfessa gli accusatori di Dio

Protestano i copti egiziani contro le autorità che li vogliono difendere. E lo fanno con forza, perché non vogliono essere difesi al prezzo di non partecipare più alla Messa. Infatti, dopo che è stata ordinata la chiusura della chiesa della Vergine Maria e di san Paolo, in Kedwan, causa l'alto rischio di attentati, la comunità copta di tre diversi villaggi (Kedwan al-Baharyia, Kedwan al-Keblyia, Masaken Kedwan.) che frequentava la chiesa (circa 1.300 persone) ne ha implorato la riapertura.

Non andate nella profondità dei problemi, ma lasciatevi guidare da Dio

La Madonna disse : «Se volete essere felicissimi fatevi una vita semplice, umile, pregate molto e non andate nella profondità dei problemi, ma lasciatevi guidare da Dio».  I problemi che noi portiamo sono frutto di una vita complicata, veramente complicata, che abbiamo complicato con diverse filosofie, ecc. Invece la Madonna ci porta a una sincerità e a una semplicità della vita.

sabato 2 settembre 2017

Messaggio Medjugorje del 2 settembre 2017

Cari figli, chi potrebbe parlarvi meglio di Me dell’amore e del dolore di Mio Figlio?
Ho vissuto con Lui, ho patito con Lui.
Vivendo la vita terrena, ho provato il dolore, perché ero una Madre.
Mio Figlio amava i progetti e le opere del Padre Celeste, il vero Dio; e, come Mi diceva, era venuto per redimervi.
Io nascondevo il Mio dolore per mezzo dell’amore. Invece voi, figli Miei, voi avete diverse domande: non comprendete il dolore, non comprendete che, per mezzo dell’amore di Dio, dovete accettare il dolore e sopportarlo.