sabato 31 maggio 2014

San Domenico e il Santo Rosario

Fatti storici realmente accaduti, raccolti da San Luigi Maria Grignion de Montfort
 nel suo libro "IL SEGRETO MERAVIGLIOSO DEL SANTO ROSARIO"

"Mentre predicava il Rosario nelle vicinanze di Carcassonne, a san Domenico fu presentato un eretico albigese posseduto dal demonio. Il santo, davanti a una folla che si ritiene composta di oltre dodicimila persone, lo esorcizzò, e i demoni che tenevano in dominio quel miserabile, furono costretti, loro malgrado, a rispondere alle domande dell'esorcista.

Consacrazione dei bambini a Maria



O Maria,
Vergine Immacolata,
Tu sei il capolavoro delle mani di Dio,

lunedì 26 maggio 2014

Messaggio Medjugorje 25 maggio 2014

Cari figli! Pregate e siate coscienti che senza Dio siete polvere. 
Perciò volgete i vostri pensieri e il vostro cuore a Dio e alla preghiera. Confidate nel Suo amore. Nello Spirito di Dio, figlioli, tutti voi siete invitati ad essere testimoni. 
Voi siete preziosi e Io vi invito, figlioli, alla santità, alla vita eterna. 
Perciò siate coscienti che questa vita è passeggera.

Consacrazione di se stessi e della propria famiglia a Maria


Madre di Dio e Madre nostra,
io consacro me stesso con tutto ciò
che sono e che possiedo, e la mia
famiglia, con tutti i miei cari, al tuo Cuore Immacolato.

domenica 25 maggio 2014

Consacrazione a Maria di San Luigi Maria Grignion di Montfort


Consacrazione di se stesso a Gesù Cristo Sapienza incarnata, per le mani di Maria

O Sapienza eterna ed incarnata! O amabilissimo ed adorabilissimo Gesù, vero Dio e vero Uomo, Figlio unico dell'Eterno Padre e di Maria sempre Vergine! Io ti adoro profondamente nel seno e negli splendori del Padre, durante l'eternità e nel seno verginale di Maria Tua degnissima Madre, nel tempo dell'incarnazione.

lunedì 19 maggio 2014

I biscotti

Una ragazza stava aspettando il suo volo in una sala d’attesa di un grande aeroporto.
Siccome avrebbe dovuto aspettare per molto tempo,decise di comprare un libro per ammazzare il tempo. Comprò anche un pacchetto di biscotti. Si sedette nella sala VIP per stare più tranquilla. Accanto a lei c’era la sedia con i biscotti e dall'altro lato un signore che stava leggendo il giornale.

venerdì 16 maggio 2014

Basta che la mamma mi guardi

Oggi racconterò di una figlia che non c'è più e di una mamma che c'è ancora. E di legami che, accada quel che accada, non si spezzano mai.
Non è naturale, non dovrebbe esserlo, che una madre sopravviva ai figli: il ciclo della vita vorrebbe che prima se ne andassero i più vecchi. Eppure dentro le nostre famiglie è accaduto, accade. Anche tra i nostri amici, i conoscenti. Non credo ci sia dolore più grande.

martedì 13 maggio 2014

La chiacchierata "senza paracadute" di Francesco con seminaristi e sacerdoti

Applausi, risate, domande e risposte tutte rigorosamente a braccio. Ancora una volta Bergoglio riesce a trasformare un’udienza in Aula Paolo VI, come quella di oggi con i Pontifici Collegi e Convitti di Roma, in una grande tavolata tra amici dove scambiare quattro chiacchiere.

La preghiera del Rosario è più forte della bomba atomica!

Padre Hubert Schiffer aveva 30 anni e lavorava nella parrocchia dell’Assunzione di Maria, a Hiroshima. Ha dato la sua testimonianza davanti a decine di migliaia di persone:

“Attorno a me c’era soltanto una luce abbagliante. Tutto a un tratto, tutto si riempì istantaneamente da una esplosione terribile. Sono stato scaraventato nell’aria. Poi si è fatto tutto buio, silenzio, niente. Mi sono trovato su una trave di legno spaccata, con la faccia verso il basso.

venerdì 9 maggio 2014

"Mai dimenticare la preghiera. Mai!"

La catechesi di papa Francesco durante l'Udienza Generale di oggi

I doni dello Spirito Santo: 1. Il Consiglio

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!
Abbiamo sentito nella lettura di quel brano del libro dei Salmi che dice: «Il Signore mi ha dato consiglio, anche di notte il mio cuore mi istruisce» (Sal 16, 7).

venerdì 2 maggio 2014

La piccola Vergine barocca che ci dona grazie spirituali

Da Milano sono 470 chilometri in auto, e neanche troppo diritti, tra le montagne dei Grigioni. Abbiamo passato la frontiera a Chiasso, oltre Bellinzona abbiamo preso a salire verso il passo del San Bernardino. Muri di neve ai lati della carreggiata, e all’orizzonte, incombenti, vertiginose cime candide; alle dieci di mattina il fondovalle ancora nell’ombra, e noi, mediterranei, intimoriti sotto a quelle cattedrali di ghiaccio. Pioggia, poi, una bufera, e nebbia, da non vedere dove andavi; e neve anche, l’ultima neve di marzo che schiaffeggiava a folate il parabrezza.

Tra le sbarre il fiore del perdono - «Ho bestemmiato mia madre Ora la benedico»

Tre cappellani di tre carceri del Nord e del Sud. E le loro tre storie di perdono. Storie di morte e risurre­zione, storie nate del dolore e nell’ingiustizia che poi, a poco a poco, sanno aprirsi alla speranza. Percorsi mai facili, spesso tortuosi, sempre dolorosi. 
Perché perdonare gli altri, per un cuore generoso ed educato, è dif­ficile ma non impossibile: accade.