venerdì 28 giugno 2013

Obbligatorio citare il nome di San Giuseppe, Patrono della Chiesa universale, nelle preghiere eucaristiche

È san Giuseppe, umile custode di un tesoro prezioso, il modello da incarnare con sempre maggiore efficacia nel mondo di oggi. 
Questo mandato alla Chiesa universale è alla base della decisione di inserire il nome dello sposo della Vergine Madre di Dio nella seconda, nella terza e nella quarta Preghiera eucaristica, estendendo così anche a questi testi più moderni quanto avviene già per la prima Preghiera eucaristica, il Canone Romano. 

giovedì 27 giugno 2013

Una clamorosa e sconosciuta serie di Miracoli Eucaristici a Buenos Aires con Bergoglio Vescovo

di Antonio Socci 

C’è un “segno” miracoloso rimasto finora sconosciuto che ha toccato la storia personale del cardinale Bergoglio.  
E’ accaduto – prima e durante gli anni del suo episcopato – nella chiesa parrocchiale di Santa Maria che si trova al centro di Buenos Aires, fra i quartieri Almagro e Caballito e – per decisione del parroco e dei suoi fedeli – non si voluto è fare del clamore mediatico.

La Chiesa non è un intreccio di interessi, è opera dello Spirito Santo

Proseguendo il ciclo di catechesi sul Mistero della Chiesa, papa Francesco si è soffermato sul tema La Chiesa: tempio dello Spirito Santo. Attingendo alla Costituzione Dogmatica Lumen Gentium (n° 6), il Santo Padre ha menzionato la metafora del tempio.

Nell’Antico Testamento, il Tempio di Salomone era “il luogo dell’incontro con Dio nella preghiera”, all’interno del quale era presente “l’Arca dell’alleanza, segno della presenza di Dio in messo al popolo”, con le sue “Tavole della legge, la manna e la verga di Aronne”.

mercoledì 26 giugno 2013

Miracolo Eucaristico a Buenos Aires, quando Papa Francesco era Cardinale

E’ troppo lontana da noi l’Argentina per conoscere un miracolo eucaristico che per qualche anno fu addirittura tenuto nascosto, perciò si deve a due australiani, il giornalista Mike Willesee e l’avvocato Ron Tesoriero, testimoni di quegli avvenimenti, se oggi possiamo raccontarvelo.

martedì 25 giugno 2013

Messaggio Medjugorie 25 giugno 2013


Cari figli! Con la gioia nel cuore vi amo tutti e vi invito ad avvicinarvi al Mio Cuore Immacolato, affinché Io possa avvicinarvi ancora di più al Mio Figlio Gesù e affinché Lui vi dia la sua pace e l'amore che il cibo di ognuno di noi.
Apritevi, figlioli, alla preghiera, apritevi al Mio amore.
Io sono vostra Madre e non posso lasciarvi soli nelle divagazioni e nel peccato.

lunedì 24 giugno 2013

Messaggio a Ivan 24 giugno 2013

Cari figli, vengo a voi gioiosa e con gioia desidero invitarvi anche oggi: accogliete i Miei messaggi e vivete i Miei messaggi. 
Cari figli, con voi desidero realizzare i Miei progetti col mondo, con la Chiesa. 
In modo particolare oggi vi chiamo: rinnovate i Miei messaggi , vivete i Miei messaggi .
 All’inizio Mi sono presentata come Regina della pace. Anche oggi in modo particolare vi invito a pregare per la pace: per la pace nel cuore dell’uomo, per la pace nei vostri cuori, perché la pace viene dai vostri cuori.

Il Papa ai giovani: "Non abbiate paura di andare controcorrente!"

Alla vigilia della festa liturgica di San Giovanni Battista, papa Francesco ha indicato nel profeta e ultimo precursore di Gesù Cristo, l’esempio del martirio e di quell’“andare controcorrente” che dovrebbe caratterizzare i cristiani di ogni tempo, in particolare i giovani.

Affacciandosi alla finestra del suo studio nel Palazzo Apostolico Vaticano, per la recita dell’Angelus, il Santo Padre ha esordito ricordando le parole del Vangelo di oggi. «Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà» (Lc 9,24).

Il Libano consacrato al Cuore Immacolato di Maria

Una settimana fa, domenica 16 giugno, il Patriarca di Antiochia dei Maroniti, il card. Boutros Bechara Rai, ha consacrato il Libano e tutto il Medio Oriente al Cuore Immacolato di Maria. L’atto è avvenuto tramite la recita di una supplica letta a margine di una liturgia eucaristica nel Santuario nazionale di Nostra Signora del Libano a Harissa.  Intorno alla Basilica, è accorsa una moltitudine di fedeli raccolti in preghiera affinché tale atto impedisca al Libano di essere “contagiato” dai conflitti che dilaniano la Siria.

giovedì 20 giugno 2013

Quanto è difficile amare i nemici....!

 La forza del cristiano è la sua capacità di amare. Soprattutto amare chi gli fa del male, chi lo odia, chi gli è nemico. Non è certo un istinto naturale farlo, ma è quello che Gesù chiede per essere quanto più vicino a Lui che non si è vendicato di chi lo ha tradito o lo ha inchiodato sulla Croce.
Da questa riflessione si è sviluppata  l’omelia di Papa Francesco nella Messa mattutina a Santa Marta, celebrata mercoledì 19 giugno.

Tra i cristiani l'unità è sempre superiore alle divisioni

Come anche il Concilio Vaticano II ha ribadito, la Chiesa è il Corpo di Cristo. Su questo assunto fondamentale della fede cristiana, papa Francesco ha articolato la sua catechesi in occasione dell’Udienza Generale.

Il Santo Padre ha esordito meditando il notissimo passo neotestamentario della conversione di San Paolo (cfr. At 9,4-5). “Questa esperienza di san Paolo ci dice quanto sia profonda l’unione tra noi cristiani e Cristo stesso – ha commentato il Papa -. Quando Gesù è salito al cielo non ci ha lasciati orfani, ma con il dono dello Spirito Santo l’unione con Lui è diventata ancora più intensa”.

mercoledì 19 giugno 2013

Perché ci sia per tutti il primo compleanno


Dopo aver visto questo bellissimo video fermiamoci un attimo e preghiamo per tutti i milioni di bambini rifiutati dai loro genitori, per tutti quelli che in

Atea e bestemmiatrice, a 19 anni rimane incinta...


Alessandra aveva diciannove anni quando si è accorta di essere incinta. Era stata cresciuta da una madre emancipata, separata, fieramente autonoma. Alessandra era libera di fare tardi la sera, di dormire fuori, di fare quello che voleva con i ragazzi. La sua mamma per lei era un mito, così diversa dalle altre, così poco opprimente.

venerdì 14 giugno 2013

E se ad essere discriminate fossero le famiglie?

Per far sentire la voce delle famiglie sul tema dei diritti delle persone omosessuali a seguito degli interventi di Stefania Prestigiacomo (9 giugno), di Barbara Pollastrini (10 giugno) e di Ivan Scalfarotto (11 giugno), tutti ospitati dal Corriere della Sera, il Forum delle Associazioni familiari ha inviato una lettera, a firma del presidente Francesco Belletti, al direttore De Bortoli. 

La lettera, che è stata con molta cortesia respinta, diceva: 

Il Papa ricorda il bene operato da Carlo Urbani

È paradossale la storia di Carlo Urbani: il giovane medico italiano fu la prima persona a identificare la Sindrome Respiratoria Acuta Severa - più nota come SARS - per poi morirci lui stesso, dieci anni fa, il 29 marzo 2003, a soli 47 anni.

Grazie alla prontezza del microbiologo marchigiano, il morbo fu presto individuato durante l'epidemia esplosa in Vietnam tra il 2002 e il 2003. Ciò impedì al virus di diffondersi e travolgere il Sud Est asiatico in tutta la sua ferocità. Il numero dei decessi in Vietnam, risultò essere infatti alquanto “contenuto”: circa 775 persone nell'intero Paese. Tra queste, lo stesso Urbani e altri quattro operatori sanitari.

giovedì 13 giugno 2013

Cosa vuol dire essere "Popolo di Dio"?

Cosa vuole dire essere “popolo di Dio”? Intorno a questa domanda, papa Francesco ha articolato la propria catechesi, in occasione dell’Udienza generale di mercoledì 12 giugno, attingendo, anche stavolta, al Concilio Vaticano II (ed in particolare alla Lumen Gentium,n°9) e al Catechismo della Chiesa Cattolica (782).

La risposta fornita dal Santo Padre è stata la seguente: “Anzitutto vuol dire che Dio non appartiene in modo proprio ad alcun popolo; perché è Lui che ci chiama, ci convoca, ci invita a fare parte del suo popolo, e questo invito è rivolto a tutti, senza distinzione, perché la misericordia di Dio «vuole la salvezza per tutti» (1Tm 2,4)”.

martedì 11 giugno 2013

Omelia Santa Messa di Consacrazione

Riportiamo la registrazione dell'omelia di P. Alberto Zanetti L. C. della Santa Messa di Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria celebrata sabato 8 giugno 2013 nella chiesa SS. Martino e Rosa di Conegliano

E’ con grande gioia che oggi ci troviamo qui a celebrare questo momento nel quale i nostri cuori si uniscono in modo particolare a quello di Maria. Abbiamo qui la statua della Madonna che presiede la Santa Messa però voi sapete che ogni volta che il Sacerdote celebra l’Eucaristia Maria è veramente qui presente accanto a noi, oggi in modo particolare.

venerdì 7 giugno 2013

Il carrierismo vi rende ridicoli

Il 6 giugno Papa Francesco ha ricevuto in udienza gli allievi della Pontificia Accademia Ecclesiastica, che prepara i futuri diplomatici. Riprendendo puntualmente – il collegamento con interventi del suo predecessore sta diventando consueto – il discorso che Benedetto XVI aveva rivolto il 10 giugno 2011 agli allievi della stessa Accademia, il Pontefice regnante è voluto tornare sul tema a lui caro della «mondanità spirituale», cioè del rischio che corre chi fa il bene – anche un bene oggettivo – non per amore di Dio ma per mero umanitarismo, dietro a cui emerge sempre, presto o tardi, la ricerca dell’applauso del mondo. 

giovedì 6 giugno 2013

Provvidenza divina - Testimonianza di Catalina Rivas

Leggiamo insieme qualche pagina tratta dal libretto "Provvidenza divina" Editrice Ancilla.

Due giorni dopo, il Signore disse che avremmo continuato la nostra occupazione più tardi, e subito mi vidi in una chiesa, di fronte ad un gruppo di persone che aspettavano il loro turno per confessarsi. 
Apparvero davanti ai miei occhi molte "ombre", il cui corpo aveva l'aspetto di esseri umani, ma le teste erano di animali. Stavano legando una persona che andava verso il confessionale, con lacci al collo e alla fronte e, mentre facevano questo, le dicevano qualcosa all'orecchio...

Maria vuole più bene a noi di quanto noi ne vogliamo a Lei - 4° incontro 2013

Catechesi registrata
Ho accolto questo invito con tanta gioia! Sono più di 25 anni che manco da questa città, che è la città dove sono nato  e cresciuto, ma oggi ci lega qualcosa di più: è questa consacrazione a Maria, questo metterci nelle mani di Maria.
Vorrei cominciare con alcune premesse, la prima è una frase che a me piace molto e che uso spesso nelle omelia che tengo nella mia parrocchia a Torino: “I cristiani non sono una comunità di perfetti ma di perdonati” ed è questa la porta che vorrei aprire all’inizio di questa catechesi. Tutti noi siamo perdonati, tutti noi siamo soprattutto amati per quello che siamo e che abbiamo fatto, di buono e meno buono.

domenica 2 giugno 2013

Messaggio Mjrjana 2 giugno 2013

Cari figli, in questo tempo inquieto Io vi invito di nuovo ad incamminarvi dietro a Mio Figlio, a seguirlo. 
Conosco i dolori, le sofferenze e le difficoltà, ma in Mio Figlio vi riposerete, in Lui troverete la pace e la salvezza. 
Figli Miei, non dimenticate che Mio Figlio vi ha redenti con la Sua croce e vi ha messi in grado di essere nuovamente figli di Dio e di chiamare di nuovo "Padre" il Padre Celeste. 
Per essere degni del Padre amate e perdonate, perché vostro Padre è amore e perdono. 

sabato 1 giugno 2013

"Ascolto, decisone, azione": tre parole per seguire il cammino di Maria

A conclusione del mese mariano, il Cardinale Angelo Comastri, Vicario Generale di Sua Santità per la Città del Vaticano e Arciprete della Basilica di San Pietro ha presieduto venerdì sera, in Piazza San Pietro, la recita del Santo Rosario. Nel corso della celebrazione, è stata portata in processione la statua della Madonna attraverso i vari reparti della Piazza. Verso le ore 20.30, il Santo Padre Francesco è giunto sul Sagrato della Basilica Vaticana e - prima di impartire la Benedizione Apostolica ai fedeli presenti - ha pronunciato una meditazione di cui riportiamo di seguito il testo.