sabato 24 novembre 2012

La fede


I campi erano arsi e screpolati dalla mancanza di pioggia. Le foglie pallide e ingiallite pendevano penosamente dai rami. L'erba era sparita dai prati. La gente era tesa e nervosa, mentre scrutava il cielo di cristallo blu cobalto.
Le settimane si succedevano sempre più infuocate.
Da mesi non cadeva una vera pioggia.
Il parroco del paese organizzò un'ora speciale di preghiera nella piazza davanti alla chiesa per implorare la grazia della pioggia.
All'ora stabilita la piazza era gremita di gente ansiosa, ma piena di speranza.
Molti avevano portato oggetti che testimoniavano la loro fede. Il parroco guardava ammirato le Bibbie, le croci, i rosari.
Ma non riusciva a distogliere gli occhi da una bambina seduta compostamente in prima fila.
Sulle ginocchia aveva un ombrello rosso.

Pregare è chiedere la pioggia, credere è portare l'ombrello.

1 commento:

Maria Toffolon ha detto...

Molto bello questo post anche perché non è troppo lungo e che dopo un po' ti stanchi di leggere. Infatti ( forse è anche perché ho solo14), post o testi troppo lunghi non ho voglia di leggerli.... Questo post mi è piaciuto molto perché con poche righe riesce a trasmettere la speranza ma soprattutto la grande fede che ha la bambina!

Posta un commento