mercoledì 21 marzo 2012

Fare la volontà del Padre - Itinerario quaresimale

Mercoledì 21 marzo 2012

Vangelo di Giovanni 5,17-30
In quel tempo, Gesù disse ai Giudei: "Il Padre mio agisce anche ora e anch'io agisco". Per questo i Giudei cercavano ancor più di ucciderlo, perchè non soltanto violava il sabato, ma chiamava Dio suo Padre, facendosi uguale a Dio. Gesù riprese a parlare e disse loro: "In verità vi dico: il Figlio da se stesso non può fare nulla, se non ciò che vede fare dal Padre; quello che egli fa, anche il Figlio lo fa allo stesso modo. 

Il Padre infatti ama il Figlio, gli manifesta tutto quello che fa e gli manifesterà opere ancora più grandi di queste, perchè voi ne siate meravigliati. Come il Padre risuscita i morti e dà la vita, così anche il Figlio dà la vita a chi egli vuole. Il Padre infatti non giudica nessuno, ma ha dato ogni giudizio al Figlio, perchè tutti onorino il Figlio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato. In verità,  in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non va incontro al giudizio, ma è passato dalla morte alla vita [...]".

Meditazione

"Il Padre mio agisce anche ora e anch' io agisco", in questo versetto iniziale cogliamo l'unità che lega il Figlio al Padre fin dall'eternità, fin dalla creazione. L'azione di Dio nei confronti dell'uomo non si è mai fermata e continua nel Figlio. I Giudei non possono accettare che Gesù parli di sé come del Figlio unigenito del Padre e per questo vogliono ucciderlo. Possono accogliere il Gesù che fa miracoli, quello che sa parlare bene, che ben interpreta la Scrittura e cattura l'attenzione di chi lo ascolta, ma non possono accettare che Egli sia il Messia. Per la prima volta Giovanni rileva la volontà dei Giudei di uccidere gesù; dopo questo, molti saranno i passi in cui si ribadisce tale volontà. Da qui in poi Gesù continuerà a parlare di una totale adesione tra il Padre e il Figlio, cioè Egli stesso, ponendo ogni sua azione e parola come volontà del Padre. Anche noi oggi siamo chiamati ad accogliere Gesù come il Figlio di Dio, non solo come colui che ci affascina con la sua Parola e non solo come il Signore potente che compie miracoli nella nostra vita, ma soprattutto come l'Unigenito del Padre.

Proposito

Voglio imparare ad amare e onorare
i miei fratelli per amare e onorare
il Figlio e il Padre.

Preghiera a Gesù crocifisso
Eccomi, o mio amato e buon Gesù, che alla santissima tua presenza prostrato ti prego con il fervore più vivo di stampare nel mio cuore sentimenti di fede, di speranza, di carità, di dolore dei miei peccati e di proponimento di non più offenderti; mentre io con tutto l'amore e con tutta la compassione vado considerando le tue cinque piaghe, cominciando da ciò che disse di te, o mio Gesù, il santo profeta Davide: «Hanno forato le mie mani e i miei piedi, hanno contato tutte le mie ossa».

Nessun commento:

Posta un commento