giovedì 22 febbraio 2018

L’aborto è spesso frutto della solitudine e dell’ignoranza. A volte per salvare una vita basta tendere una mano…

Ci sono cose nella vita talmente assurde, inumane, ragionevolmente inaccettabili, che pur sapendo della loro esistenza, si stenta a credere che possano accadere davvero anche vicino a noi. Ecco, questo è quello che è successo a me quando, in un normale giorno di controlli medici in ospedale, vengo a sapere che due donne su quattro nella mia camera erano lì per abortire.

Miracolo Eucaristico ad Arquata del Tronto?

La scoperta di Don Angelo Ciancotti, parroco della Cattedrale di Ascoli, che ha aperto il tabernacolo rinvenuto tra i ruderi della chiesa di Santa Maria Assunta.

“Questo ritrovamento è una grande gioia e un messaggio per tutta la comunità. Sì, per me è un miracolo, ma è ovvio che chi non ha fede non può credere a nulla. Ma non potrà mai dire che ci sono state manomissioni. Il Signore ha fatto tutto da sé”. Don Angelo Ciancotti, parroco della Cattedrale di Ascoli, spiega così, nell’emozione di rivivere quegli attimi e la paura che tutto venga strumentalizzato, il ritrovamento di 40 ostie integre in un tabernacolo ritrovato sotto le macerie di Arquata.

mercoledì 21 febbraio 2018

Un'esperienza che ha cambiato la mia vita

Alcuni giorni fa, mi sono recato al cimitero, dovevano riesumare il corpo di mia madre per porlo in una piccola celletta.
Il cuore mi batteva forte perché era la prima volta che assistevo ad una simile operazione e per giunta di un familiare molto stretto.
Gli operai hanno incominciato a togliere il marmo che copriva la tomba, hanno poi divelto quelli laterali ed hanno scavato nella terra sino a giungere alla bara per portarla in superficie.

sabato 17 febbraio 2018

Via Crucis - meditazioni con i Santi

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo Amen.
Oh mio Gesù, ci prepariamo in questo istante ad accompagnarTi nella Tua Via Crucis. In essa Ti incontreremo piagato, senza forze e sanguinante. Hai voluto espiare la nostra avidità con la Tua nudità, il nostro orgoglio con le Tue umiliazioni, il nostro desiderio di dominare con la Tua sottomissione ai carnefici, i nostri cattivi pensieri con la corona di spine, la nostra intemperanza con il livore che Tu hai provato ed i miei piaceri sensuali con le sofferenze del Tuo corpo.

sabato 10 febbraio 2018

José Sanchez del Rio

Nel 1926 il presidente del Messico chiude ai cristiani e ai religiosi ogno possibilità di esercitare la fede, ma i cattolici messicani non stanno certo fermi. Per iniziativa di alcuni laici, sorge la Lega in Difesa della Libertà Religiosa, i cui membri, pur deplorando la guerra, decidono d’imbracciare le armi per scendere sullo stesso campo di chi vuole limitare la loro libertà. Al grido di «Viva Cristo Re», per cui vengono dispregiativamente chiamati “cristorreyeros” e più tardi “cristeros”.

Come il comandante di Auschwitz ha trovato la misericordia di Dio

I sopravvissuti ad Auschwitz chiamavano il comandante del campo “animale”. Rudolf Höss ha presieduto allo sterminio di circa 2,5 milioni di prigionieri nei tre anni in cui è stato alla guida del campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. Altre 500.000 persone sono morte per malattia e fame.

venerdì 9 febbraio 2018

Come saranno in Paradiso le relazioni di parentela e amicizia?

P. Blot, nel suo libretto 'Ci riconosceremo in Cielo', appoggiandosi su autorevoli Teologi, dimostra che le attuali relazioni di parentela e amicizia non sono destinate a scomparire, ma a compie tarsi e perfezionarsi in una vita migliore. E Dio stesso che ci comanda l’amore fraterno, e vuole che in esso si conservi un certo ordine.

giovedì 8 febbraio 2018

Ogni Santa Messa ha un valore infinito

Ogni Messa, indipendentemente dove è detta e indipendentemente dalla santità del sacerdote, ha
sempre un valore infinito. Vi spieghiamo perché.

Mentre ogni preghiera –pur importante– ha un valore finito, perché è l’uomo che prega Dio e si offre a Lui, la Messa ha sempre un valore infinito perché è Dio stesso che si offre al Padre. Dunque se è Dio che si offre nella Messa, questa ha un valore infinito perché Dio ha un valore infinito.

Scegli: o vita o morte!

Era sul letto di morte un professore, già da tempo iscritto alla Massoneria. Né la moglie né altri osavano dirgli di ricevere i Santi Sacramenti, conoscendo la sua ostilità alla Religione. Intanto era gravissimo; stava con la bombola dell'ossigeno per respirare ed il medico aveva detto: Probabilmente domani morrà.

La cognata, devota del Sacro Cuore, assidua alla pratica dei Primi Venerdì, ebbe un'ispirazione: mettere un'immagine di Gesù di fronte al moribondo, attaccata al grande specchio dell'armadio.

sabato 3 febbraio 2018

Un Santo con il Rosario sempre in mano

È fuori dubbio che se Padre Pio viveva con le stigmate, conviveva pure con la corona del rosario. Ambedue questi elementi misteriosi e indissolubili sono manifestazioni del suo mondo interiore. Concretizzano sia il suo stato di concrocifisso con Cristo, sia il suo stato di «uno» con Maria.

venerdì 2 febbraio 2018

Il bambino che ha vissuto solo per 45 minuti, è stato una lezione d’amore

Che senso ha partorire un bambino che morirà dopo una dozzina o qualche dozzina di minuti? È la domanda che a volte devono affrontare alcune persone, e non implica una discussione sulla possibilità di porre fine a una gravidanza, ma una riflessione molto più profonda sul significato della vita e della morte in generale.

Messaggio Medjugorje 2 febbraio 2018

Cari figli,
voi che Mio Figlio ama, voi che Io amo immensamente con il Mio amore materno, non permettiate che l’egoismo e l’amare troppo se stessi regni nel mondo, non permettiate che l’amore e la bontà rimangano nascosti.
Voi che siete amati, voi che avete conosciuto l’amore di Mio Figlio, ricordate che essere amati vuol dire amare.
Figli Miei, abbiate fede. Quando avete la fede siete felici e diffondete la pace e la vostra anima sussulta di gioia. In quest'anima c’è Mio Figlio.

Mostrami la tua via!

Oggi, 2 febbraio, è la festa della vita consacrata. Questa è la meravigliosa testimonianza di sr. Rosa Maria Chiara, clarissa di Paganica. Preghiamo per lei, la sua comunità e tutti i religiosi e le religiose!

giovedì 1 febbraio 2018

Il trigramma di san Bernardino da Siena

Affinché la sua predicazione non fosse dimenticata facilmente, Bernardino con profondo intuito
psicologico inventò un simbolo dai colori vivaci che veniva posto in tutti i locali pubblici e privati, sostituendo blasoni e stemmi delle varie Famiglie e Corporazioni spesso in lotta fra loro.
Il trigramma del nome di Gesù, divenne un emblema celebre e diffuso in ogni luogo, sulla facciata del Palazzo Pubblico di Siena campeggia enorme e solenne, opera dell’orafo senese Tuccio di Sano e di suo figlio Pietro, ma lo si ritrova in ogni posto dove Bernardino e i suoi discepoli abbiano predicato o soggiornato.

Siamo all’attacco finale su Humanae Vitae?

Ho voluto riportare questo articolo di Costanza Miriano perchè ritengo che sia fondamentale per tutti capire bene il pensiero di San Giovanni Paolo II, grande difensore dell'Humanae Vitae di PaoloVI.
"Egli ha precisato più volte che la norma morale dell’Humanae vitae è esigente, ma è forte e chiara, in continuità con la bimillenaria Tradizione della Chiesa. E poiché si tratta di una norma chiara, vuol dire che non va interpretata ma va attuata e vissuta, attingendo alla grazia di Dio di fronte alla nostra fragilità."